emule.it - Guida eMule
 
eMule.it > Guida Emule > Guide

 

 La morte dei Razorback
Elenco router equivalenti per configurazione. Cliccare per visualizzare.
     
     
razor_001.png
  • I fatti: Il 21 Febbraio 2006 i servers Razorback sono stati chiusi dalla Polizia Belga, senza ulteriori spiegazioni L
  • Conseguenze: Tutti gli utenti dei Razorback si sono riversati sugli altri servers causando un po' di intasamento. Altri amministratori potrebbero chiudere i loro servers come misura precauzionale.
  • Come comportarsi: Continuate ad aggiornare la lista server, collegate anche Kad, effettuate le ricerche scegliendo Metodo di ricerca: "Kad Rete" (invece di globale server) se non ottenete abbastanza risultati.

Nel dettaglio:

Con più di un milione di utenti nel mondo, i servers eDonkey/eMule Razorback vennero sequestrati dalla polizia federale belga  e uno degli amministratori arrestato nella sua residenza Svizzera.
Benchè la società proprietaria dei server Razorback fosse Svizzera, il cuore del sistema era installato in Belgio. Razorback, come tutti i server per la rete edonkey, non ospitava alcun contenuto illegale.
Tutti i servers infatti non fanno altro che comportarsi come elenchi telefonici, limitandosi a tenere traccia di chi possiede i files condivisi in rete senza alcuna distinzione.
E' ovvio perciò che vengano indicizzati anche file illegali posseduti dagli utenti.
Razorback tentava di conciliare legalità e P2P partecipando a molti progetti legali, fornendo statistiche preziose per gli studi di marketing e diffondendo archivi a pagamento protetti da DRM per conto di diverse aziende.

Dan Glickman capo della Motion Picture Association (equivalente europeo della SIAE) disse: "E' una grande vittoria nella nostra lotta per eliminare l'offerta di materiali illegali in circolazione su internet grazie alle reti peer-to-peer".
"Eliminando il traffico illegale di materiale protetto da diritti d'autore, facilitato da razorback 2, stiamo togliendo ad altri network illegali la loro capacità di rifornire i pirati su Internet con materiali protetti da copyright, e ciò è un passo in avanti nel combattere la pirateria a livello internazionale".

Secondo John G. Malcolm, vice presidente e direttore della Worldwide Anti-Piracy: "Razorback2 era non solo un enorme indice per gli utenti Internet coinvolti in scambi di file illegali, era una minaccia per la società".
"Applaudo le autorità belghe e svizzere per le loro azioni che aiutano a contrastare la pirateria in tutto il mondo."
(Fonti delle informazioni: ratiatum.com e slyck.com)

La scomparsa di Razorback (e di altri servers che potrebbero venire sequestrati col tempo) non cambierà assolutamente nulla per i milioni di utenti di eMule, che beneficiano già da alcuni anni di una rete senza server interamente decentralizzata battezzata Kad.

Non c'è alcun pericolo per gli utenti che abbiano utilizzato in passato i servers oggi sequetrati in quanto non venivano conservati sul server i log delle connessioni.
Con un milione di utenti sempre connessi e centinaia di milioni di archivi indicizzati Razorback non avrebbe potuto tenere traccia dei collegamenti con tutti gli indirizzi IP degli utenti (a meno di costi esorbitanti).
Tutti i dati necessari al funzionamento regolare di Razorback erano conservati in memoria RAM, e sono stati dunque persi in occasione dello spegnimento.

Tutti i servers Razorback che troverete in futuro saranno solo dei falsi, probabilmente dei server spia, quindi non aggiungeteli alle vostre liste.

Copyright eMule.it
2004-2017
Google
 
Web eMule.it
Torna Su